La principale regione dove si coltiva il vitigno Schiava è il Trentino Alto Adige, inoltre esso in piccole quantità cresce anche in Lombardia e Veneto. Questa non è una varietà, ma un gruppo di varietà di uve rosse. Le varietà più comuni sono: la Schiava Grossa, […]

Schiava

La principale regione dove si coltiva il vitigno Schiava è il Trentino Alto Adige, inoltre esso in piccole quantità cresce anche in Lombardia e Veneto. Questa non è una varietà, ma un gruppo di varietà di uve rosse. Le varietà più comuni sono: la Schiava Grossa, la Schiava Gentile, la Schiava Grigia. Le loro differenze principali risiedono nelle dimensioni e nelle forme delle foglie, dei grappoli, dei chicchi d’uva, e anche del colore dei chicchi: blu – nero, viola-blu e grigio-blu.

La maggior parte degli esperti ritiene che l’uva sia di origine slava. Per la prima volta questo vitigno è stato citato nel tardo medioevo. Nel 16 ° secolo questa varietà occupava il primo posto nel settore vitivinicolo della regione Trentino Alto Adige.

Il vino prodotto dalle uve Schiava ha un colore rosso rubino brillante, profumo fruttato con un appena percettibili note di mandorle, un basso contenuto di alcol e il corpo leggero. Questo vino si consuma in giovane età. Esso si abbina perfettamente con piatti tipici della regione Trentino Alto Adige, in particolare con le zuppe, gnocchi e la pancetta.

Il vino secco Colterenzio, Kalterersee Auslese Lago di Caldaro ha il colore rubino-rosso moderato, l’aroma di piccoli frutti rossi maturi (domina la ciliegia), i tannini vellutati e succosa acidità. Questa qualità di vino in modo armonico si abbina con salumi e formaggi morbidi.

Il vino secco Tramin “T” Rosso, Dolomiti IGT, 2013 ha il colore rosso brillante, profumo di frutta fresca e gusto morbido. Questo vino viene utilizzato con tutti piatti della cucina italiana.

Ordinare degustazione di vini Schiava








    Condividi in social
    error: Контент данной страницы защищен от копирования!